Energia e dintorni
 

Smart metering di seconda generazione da AEEGSI dal 2017

Roberto Deboni DMIsr 24 Ott 2016 17:32
Premessa:

http://www.autorita.energia.it/it/schedetecniche/16/087-16s.htm

"E' previsto che i misuratori 2G (versione 2.0) siano dotati di due c*****i di
comunicazione:
il primo verso il "sistema elettrico" - chain 1 - e potrà utilizzare
la Power Line Carrier (PLC) in banda A, la tecnologia di comunicazione RF 169
o altre tecnologie TLC,
e un secondo verso i dispositivi utente - chain 2 - che dovrà poter
sfruttare almeno la Power line Carrier (PLC) in banda C.

Per tutte le soluzioni di comunicazione l'Autorità vincola all'utilizzo di
protocolli standard per garantire l'intercambiabilità in occasione dei
passaggi di concessione tra le imprese distributrici."

Quindi pare che i nuovi contatori elettronici dovranno potere comunicare
che cio' che l'utente mette in casa (ad esempio un dispositivo remoto
tipo quello fornito su richiesta, per un certo periodo, da ACEA). Era ora.

Il provvedimento e' anche aperto ad evoluzione oltre a quanto previsto
come minimo obbligatorio dal 2017:

"In considerazione degli sviluppi delle tecnologie, in particolare di
comunicazione, si traccia la possibilità di un'evoluzione incrementale degli
stessi misuratori verso una versione avanzata (versione 2.1) caratterizzata
da una soluzione tecnologica di comunicazione aggiuntiva (fibra-ottica o
wireless) utilizzabile per entrambi i c*****i e/o ..."

e fin qui e' chiaro, ma poi si entra nel burocratese:

" ... dalla possibilità di un
limitatore di potenza che consenta di interrompere l'erogazione
dell'energia elettrica in caso di superamento della potenza disponibile
senza l'apertura dell'interruttore magneto-termico, e la conseguente
necessità di riarmo da parte del cliente finale, posto tipicamente
in prossimità del misuratore."

Provo una interpretazione: si intende che lo stacco della alimentazione e'
tramite un rele' che effettua il ripristino senza le presenza dell'utente
dopo un certo tempo che la potenza richiesta e' scesa sotto il livello
pattuito ? (tra parentesi: mi sembra pericoloso ...)

Ecco la delibera:

http://www.autorita.energia.it/it/docs/16/087-16.htm

che richiama un punto che credo molti non sapevano:

"il ******* disciplina la vita utile utilizzata a fini regolatori dei misuratori
elettronici di energia elettrica in bassa tensione, pari a 15 anni;"

e

"il DM 60/2015 prevede che per i misuratori elettronici di energia elettrica
in bassa tensione, installati dopo il recepimento della direttiva MID,
avvenuto con il decreto legislativo 22/2007, la verificazione periodica
debba avvenire ogni 15 anni;"

Ovvero i contatori elettronici vanno cambiati (o verificati ?) ogni 15 anni.

Un'altra novita' e' richiamata con:

"l’introduzione di nuove forme di prepagamento della fornitura elettrica,
delineate dall’Autorità e definite dal mercato, per le quali dovranno,
comunque, essere assunte determinazioni regolatorie prodromiche;"

In Germania esiste gia' da tempo la possibilita' di acquistare l'elettricita'
a "lotti", terminato il quale si deve acquistarne uno nuovo. E' utile per
chi non riesce a gestirsi i consumi, avendo un riscontro immediato di cosa
sta faccendo. Calo drastico delle morosita' e quindi delle penali.

Ed attenzione ad ulteriore "intelligenza" nel controllo della erogazione
tramite dispositivi aggiuntivi del cliente che "parlano" con il contatore:

"benefici di risparmio economico derivanti dallo spostamento di consumi ad
orari con prezzi inferiori (load shifting), in particolare nel momento in
cui vengano superati i richiamati limiti derivanti dal load profiling
(grazie ad offerte commerciali innovative basate su prezzi orari)"


Nell'allegato A abbiamo i requisiti minimi dei contatori 2.0:

http://www.autorita.energia.it/allegati/docs/16/087-16alla.pdf

Nell'allegato B abbiamo le prestazini minime del sistema ed i tempi
di adeguamento:

http://www.autorita.energia.it/allegati/docs/16/087-16allb.pdf

Nell'allegato C abbiamo una indicazione di massima dei possibili
contatori 2.1:

http://www.autorita.energia.it/allegati/docs/16/087-16allc.pdf

Data la brevita', riporto integralmente per memoria futura.

La versione 2.1 potrebbe essere caratterizzata da una di queste soluzioni
tecnologiche:

− Soluzione con connettore fisico sicuro e alloggiamento separato in cui può
essere
riposto un dispositivo dell’utente oppure può essere collegato un cavo,
inclusa fibra
ottica;

− Soluzione wireless: c*****e di trasmissione dati dal misuratore su banda
licenziata o
non licenziata, aggiuntivo almeno a quello richiesto per la chain 2.
La soluzione implementata dovrà assicurare adeguati livelli di sicurezza nel
caso in cui
l’utilizzo della soluzione prescelta non sia limitato esclusivamente alla
chain 2 ma si estenda
anche alla chain 1. In caso di utilizzo anche per la chain 1, la versione 2.1
dovrà essere
caratterizzata da adeguati livelli di performance che verranno definiti
dall’Autorità.

2. Aspetti relativi al limitatore di potenza

La versione 2.1 potrebbe inoltre essere caratterizzata dalla possibilità di
interrompere
l’erogazione di energia elettrica in caso di superamento del limite di potenza
contrattualmente
impegnata senza necessità di apertura dell’interruttore magneto-termico e di
consentire, in
condizioni di sicurezza, il ripristino dell’erogazione di energia elettrica
sulla base delle manovre
compiute dal cliente sull’interruttore del proprio impianto di utenza. Restano
esclusi per motivi
di sicurezza da tale funzionalità i casi di intervento dell’interruttore
magneto-termico per
cortocircuito o guasto.

Quello che ci interessa nell'immediato e' nell'allegato A che quindi
commento in un messaggio successivo in catena a questo.
Roberto Deboni DMIsr 24 Ott 2016 18:23
On 2016-10-24, Roberto Deboni DMIsr <news@*****isienergie.it> wrote:
> Premessa:
>
> http://www.autorita.energia.it/it/schedetecniche/16/087-16s.htm
>
> "E' previsto che i misuratori 2G (versione 2.0) siano dotati di due c*****i di
> comunicazione:

...snip...

> Nell'allegato A abbiamo i requisiti minimi dei contatori 2.0:
>
> http://www.autorita.energia.it/allegati/docs/16/087-16alla.pdf

...snip...

> Quello che ci interessa nell'immediato e' nell'allegato A che quindi
> commento in un messaggio successivo in catena a questo.

Ed eccoci qui:

Prescrizioni sull'orologio (preciso al "secondo" e non di piu') e sul
calendario (anche giorno del patrono e cinque giorni festivi di riserva).

Previsione di ben sei fasce orarie (F1-F2-F3-F4-F5-F6) con un massimo di
dieci intervalli temporali in ogni giorno (quindi alcune fasce sarebbero
attive piu' volte nel giorno) e questo per ogni giorno della settimana.

Freezing
--------
Non sono certo al 100%, ma credo di avere capito il seguente:
attualmente, alla mezzanotte dell'ultimo giorno del mese, i valori
misurati dai contatori F1-F2-F3, per il consumo reale e per il consumo
reattivo, ed il picco di potenza media attiva nei 15 minuti per ogni
fascia F1-F2-F3 viene memorizzato ed e' accessibile per tutto il mese
seguente.

Ebbene, si vuole portare questo meccanismo a sei livelli, ovvero quando
ci mettiamo a leggere il contatore, avremo nell'ordine (con l'aggiunta
delle fasce nuove):

Valori attuali di consumo attivo e reattivo e picco di potenza attiva
quartorario (15 minuti) per ogni fascia F1-F2-F3-F4-F5-F6

Valori congelati di cui sopra alla mezzanotte dell'ultimo del mese
ultimo precedente ...
Valori congelati di cui sopra alla mezzanotte dell'ultimo del mese
penultimo precedente ...
Valori congelati di cui sopra alla mezzanotte dell'ultimo del mese
terzultimo precedente ...
Valori congelati di cui sopra alla mezzanotte dell'ultimo del mese
quartultimo precedente ...
Valori congelati di cui sopra alla mezzanotte dell'ultimo del mese
quintultimo precedente ...
Valori congelati di cui sopra alla mezzanotte dell'ultimo del mese
sestultimo precedente ...

Ahiii noi! :-)
Direi che l'accesso remoto su PC o altro sarebbe tassattivo!

Ed a complicare le cose, e' che questo periodo di "freezing" non e' piu'
agganciato al mese, ma puo' essere avviato in qualsiasi giorno del mese
(ognuno avra' il suo, a scelta del fatturatore).


Pare che in oltri TUTTI i contatori dovranno essere in grado di misurare:

"Curva quartoraria energia attiva immessa"

quindi tutti i contatori sarebbero "bidirezionali" ?
Se ho capito bene, questo significa che ogni volta si installi cogeneratori
o fotovoltaico, non occorre piu' che venga fuori ENEL ad installare un
nuovo contatore ? Sarebbe un costo risparmiato (e tempistiche ridotte).


La misura della potenza attiva diventa piu' rapida, o meglio abbiamo tre
valori di potenza:

− Misurazione continua della potenza attiva istantanea prelevata con
campionamento
a 1 secondo
− Rilevazione della potenza attiva prelevata con media quartoraria
− Rilevazione della potenza attiva immessa con media quartoraria

La prima misurazione e' quella che leggiamo sul wattmetro Lidl (cosi' lo
possiamo tarare :-). La seconda, se ho ben capito, e' la misurazione
attualmente fatta (il valore di potenza che trovate e' riferito alla media
su 15 minuti e quindi se avete, ad esempio, un bollitore d'acqua da 2,6 kW,
non vedrete mai la sua presenza, perche' l'acqua arriva in ebollizione e
scatta il termostato di spegnimento, prima che finiscano i 15 minuti.
Parimenti per un forno a microonde. Etc. Con la prima misurazione invece
potrete anche vedere l'assorbimento istantaneo.

Ed anche qui appare una energia "immessa" in rete (ovvero che siete voi a
mandare nella rete elettrica), con sola indicazione di media quartoraria.


A questo punto pero' abbiamo una precisazione con riguardo alla quantita'
di dati "visualizzabile" dal cliente (sentimento "misto" ... :-/ )

I cambiamenti sono, ve lo riporto come scritto, perche' non sono sicuro
di capire ad una prima lettura:

− Energia attiva prelevata (tutti punti di prelievo):
o registri totalizzatori del prelievo giornaliero complessivo del giorno
precedente (sommando tutte le fasce), e per fascia
o registri totalizzatori mensili del prelievo per periodo di freezing e per
fascia

− Energia attiva immessa (solo prosumer):
o registri totalizzatori dell’immissione giornaliera complessiva del giorno
precedente (sommando tutte le fasce), e per fascia
o registri totalizzatori mensili dell’immissione per periodo di freezing e per
fascia

− Energia reattiva induttiva prelevata (per punti di prelievo con tariffazione
dell’energia reattiva):
o registri totalizzatori del prelievo induttivo giornaliero complessivo del
giorno precedente (sommando tutte le fasce), e per fascia
o registri totalizzatori mensili del prelievo induttivo per periodo di freezing
e
per fascia

− Energia reattiva induttiva immessa (solo prosumer):
o registri totalizzatori dell’immissione induttiva giornaliera complessiva del
giorno precedente (sommando tutte le fasce), e per fascia
o registri totalizzatori mensili dell’immissione induttiva per periodo di
freezing e per fascia

Il "prosumer" sarebbe un consumatore che e' anche produttore (ad esempio
chi ha l'impianto fotovoltaico e' un "prosumer".


Seguono indicazioni sul controllo della qualita' della tensione (ad uso del
distributore ?) e delle interruzione (fino a 20 eventi memorizzazioni, poi si
perdono dati).

A pagina 6 abbiamo la descrizione dei dati e caratteristiche del cliente,
ed eventi di limitazione della potenza per supero, ed impostazioni del
funzionamento.


A pagina 7 abbiamo un paragrafo sulla "Visualizzazione su display"

Avremo due possibilita': con una pressione breve del pulsante, i dati mi pare
di capire saranno visualizzati in sequenza. Con una pressione lunga del
pulsante, si potra' selezionare un gruppo di dati specifico, saltando il resto.


Ecco cosa possiamo visualizzare:

Data ed ora corrente (oggi questo dato appare per ultimo nella sequenza).
--------------------
Direi che e' una scelta logica. Ogni mese faccio le foto, e quando consulto
l'archivio devo arrivare all'ultima foto per vedere giorno e mese delle
misure. Tra parentesi, con il 2.0 finalmente potro' smettere di fare le foto,
almeno del mio contatore, potendo scaricare direttamente sul PC.
Sara' interessante verificare il diritto dei condomini a visualizzare i dati
dei contatori condominiali.

Potenza contrattualmente impegnata (oggi questo dato non e' disponibile)
----------------------------------

Gruppo PESSE (oggi questo dato non e' disponibile)
------------

Valori per il periodo corrente e per i sei periodi di freezing precedenti
------
(come ho ipotizzato ... un lungo elenco ...)

Valore massimo potenza quartoraria del giorno corrente (prelevata)
------

Valore massimo potenza quartoraria del giorno corrente (solo prosumer =
immmessa)
------

Potenza attualmente prelevabile (quella contrattuale se non ci sono anomalie)
-------

Seguono eventuali messaggi al cliente.


Ancora un testo criptico (che si azzarda una interpretazione ?):

Nota 15: prima della visualizzazione di ciascun periodo di freezing dei registri
di energia, è
necessario che venga mostrato il corrispondente freezing del codice cliente e
– se non soggetti a
riservatezza, vd R-4.02 – il nome commerciale e numero telefonico di contatto
del venditore.

Finalmente non appare piu' di norma il codice POD (la conoscenza del codice POD
permette, insieme ai dati personali del cliente, di stipulare contratti fasuli),
(salvo non lo decida il venditore ?)

Da pagina 9 parte la descrizione delle funzionalita' verso il distributore
(chain 1).

La novita' per noi clienti si ha da pagina 11, dove si descrive la
comunicazione verso il cliente (chain 2).


Sara' definito un protocollo normato, unificato a livello nazionale per
parlare con i dispositivi del cliente.
Se la comunicazione non e' wifi o fibra ottica (vedi contatore 2.1), pare
che sara' PLC (power line) e dovra' essere usato il c*****e C CENELEC.

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Energia e dintorni | Tutti i gruppi | it.discussioni.energia | Notizie e discussioni energia | Energia Mobile | Servizio di consultazione news.