Energia e dintorni
 

Evoluzioni tariffarie alternative anche con quote potenza orarie

Roberto Deboni DMIsr 21 Ott 2016 02:15
Sfruttando i contatori elettronici piu' a fondo, si pondera sulla
possibilita' di far pagare la quota di potenza in funzione dell'orario
in cui si chiedono i valori pieni.

Ad esempio, se mi usi ordinariamente la potenza piena di 3 kW durante
la notte, ti faccio pagare un fisso mensile di solo 5 euro, ma se mi
chiedi 3 kW alle 18:00, quando c'e' il picco della domanda (l'ora
dei "primati" storici) ... chiaramente perche' e' il tuo condizionatore
a chiederlo, allora ti caccio su per la bolletta una penale di 25 euro
per quel mese (e poi continuare per tutto il mese a sparare la tua
richiesta di 3 kW alle 18:00 e dintorni).

Trovo la proposta interessante, perche', ad esempio, invoglierebbe a sfruttare
le tecniche di accumulo termico (al rovescio, sarebbe "frigorifero") anche
d'estate. In altro gruppo si era citato l'accumulatore da 10'000 litri o
soluzione equipollente.

Nulla vieta di "refrigerare" l'accumulatore durante la notte portandolo a
a 4 gradi Celsius (decisamente "freddo", se bevete qualcosa a quella
temperatura vi si "gelano" i denti) - prelevando dalla rete il picco di
3 kW durante le ore vuote. L'efficienza dell'accumulo termico (o frigorifero,
il concetto non cambio) vi permettera' di "attingere" durante le ore
pomeridiane con abbondanza alle "frigorie" messe da parte durante la notte.
Immaginate una tale approccio fatto in massa. Avremo eliminato il picco
estivo diurno peggiore, quello verso la fine della giornata.

Ed il tutto senza usare il costosi ed inefficienti accumulatori elettrici.

Il metodo combinato della carota e del bastone.

Quando c'e' la volonta', si trova una soluzione.

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Energia e dintorni | Tutti i gruppi | it.discussioni.energia | Notizie e discussioni energia | Energia Mobile | Servizio di consultazione news.