Energia e dintorni
 

Una soluzione per la sete del meri*****ne

Roberto Deboni DMIsr 27 Set 2015 07:03
Ci sono comuni nel meri*****ne (ma se il riscaldamento continua e
scompare anche il ghiaccio sulle Alpi, riguardera' anche il Nord)
che razionano l'acqua potabile.
Forse e' ora di cominciare a guardare nuove soluzioni che non
consumano una energia importata che costa sempre di piu' ?

http://www.csp-world.com/news/20140124/001299/waterfx-and-skyfuel-outperform-current-csp-desalination-systems

Si tratta della solita "acqua calda" in tutti i sensi.
Ma con qualche miglioramento.

Un collettore di 6 metri di larghezza e lungo 115 metri (SkyTrougn)
produce (in California) 30 litri di acqua distillata al minuto (durante
le ore di picco solare, a calare prima e dopo).

Facciano attenzione i campani: l'acqua distillata interessa anche
chi vuole eliminare altro, come metalli pesanti e svariate
sostanze inquinanti, e non solo eliminare il sale marino.

Con 50 SkyTrough si vuole produrre 2,7 milioni di m3 all'anno.

Il sistema prevede un sistema di accumulo termico per potere
produrre acqua distillata secondo un ciclo completo di 24 ore.

E prevede la rimozione dei metalli (se e' acqua di mare, ci sono
sia oro che uranio) e dei sali, oltre che scaricare la salamoia.

Anche l'agricoltura e' interessata, onde potere rimuovere
sali e metalli che l'irrigazione tende ad accumulare sul terreno

Nota: avete mai considerato che la pioggia e' acqua distillata ?
Se, ogni anno per mesi irrigate in modo artificiale, usando
acqua che non e' distillata, non lasciate sul terreno qualche
residuo nei decenni ?
Nad 28 Set 2015 21:23
Il 27/09/2015 07.03, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
> Ci sono comuni nel meri*****ne (ma se il riscaldamento continua e
> scompare anche il ghiaccio sulle Alpi, riguardera' anche il Nord)
> che razionano l'acqua potabile.
> Forse e' ora di cominciare a guardare nuove soluzioni che non
> consumano una energia importata che costa sempre di piu' ?

Forse è ora di cominciare a raccogliere la tanta acqua che piove
e di non buttarla via attaverso una rete che è un vero e proprio colabrodo

http://i47.tinypic.com/2zf21vq.jpg
Roberto Deboni DMIsr 29 Set 2015 02:43
On 2015-09-28, Nad <nontelodico ******* it> wrote:
> Il 27/09/2015 07.03, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>> Ci sono comuni nel meri*****ne (ma se il riscaldamento continua e
>> scompare anche il ghiaccio sulle Alpi, riguardera' anche il Nord)
>> che razionano l'acqua potabile.
>> Forse e' ora di cominciare a guardare nuove soluzioni che non
>> consumano una energia importata che costa sempre di piu' ?
>
> Forse è ora di cominciare a raccogliere la tanta acqua che piove
> e di non buttarla via attaverso una rete che è un vero e proprio colabrodo
>
> http://i47.tinypic.com/2zf21vq.jpg

Anche.

Ma dove il periodo delle pioggie e' molto concentrato (pochi mesi) c'e' la
questione di costruire bacini sufficientemente capienti, ed anche qui
non e' tutte rose e fiori.
Grossi bacini possono anche causare terremoti (non di alto grado, ma
dove non ci sono mai stati terremoti, anche un sisma di grado 3
puo' fare danni).
E poi le barriere possono anche rompersi.
Infine ci sono altri effetti secondari, ad esempio l'annidamento di
specie che prima erano contenute per la scarsita' d'acqua, etc.

Si puo' fare tutto, ma tutto ha conseguenze.

In ogni caso, sarebbe ora che si cominciare a costruire le case con
l'impianto dell'acqua potabile separato da quello delle acque destinate
ad alimentare l'impianto delle acque nere.
Avete mai considerato, ad esempio, che solo per il WC, ogni persona
consuma circa un ettolitro d'acqua? Mediamente meta' della vostra
bolletta dell'acqua se ne va giu' dal gabinetto.

Seriamente: ma deve essere proprio acqua potabile ?
Non potrebbe essere semplicemente acqua disinfettata (per
evitare proliferazioni poco salutari) ?
La prima candidata potrebbe essere l'acqua piovana. Per
case monofamiliari, e' sufficiente, anche le villette a
schiera (ma solo al Nord o dove piove abbastanza).
Per i condomini pero', occorre un secondo impianto
acqua, parallelo a quello esistente, che potrebbe
attingere all'acqua dei fiumi e della prima falda (oggi
ovunque imbevibile).

Mi ricorda la faccenda dei termosifoni sotto le finestre: un ricordo
di una epoca di spreco dell'energia. Oggi, l'utilizzo dell'acqua
potabile per lo sciaquone e' parimenti un ricordo di un epoca di
spreco dell'acqua.

In ogni caso, nonostante tutte le misure di conservazioni possibili,
ci mezza Italia che non ha acqua a sufficienza. Punto.
E questo non da oggi.

Chi vive dove e' la normalita' che sia l'acqua disponibile ai rubinetti
ogni giorno e tutto il giorno, non faccia considerazioni poco
informate. La riserva principale di acqua (che in un lungo ciclo finisce
poi anche nelle falde profonde) nelle regioni del Nord sono i ghiacciai
delle acque. Oggi ci potete ridere sopra: aprite il rubinetto ed
avete tutta l'acqua che volete. Ma tra una decina di anni, anche
troppo presto per i vostri gusti, le cose potrebbero gia' cambiare.
E tra mezzo secolo, i vostri figli potrebbero scopire che
l'acqua dei pozzi artesiani non c'e' piu' o e' fortemente inquinata.
Bob Torello 29 Set 2015 08:19
On 27/09/2015 07:03, Roberto Deboni DMIsr wrote:
> Anche l'agricoltura e' interessata, onde potere rimuovere
> sali e metalli che l'irrigazione tende ad accumulare sul terreno

Guarda che sali e metalli sono necessari all'agricoltura, e infatti
li si aggiunge a parte. I problemi nascono con le soluzioni
troppo sbilanciate, come l'acqua marina.

Il problema è inverso, la terra viene lavata dei sali indispensabili
alle piante rendendo il terreno sterile.

L'acqua distillata all'agricoltura non serve.
--
Evaporare la Grande Madre si può,
partecipa anche tu alla Grande Av*****a...
Roberto Deboni DMIsr 2 Ott 2015 08:55
On Tue, 29 Sep 2015 08:19:12 +0200, Bob Torello wrote:

> On 27/09/2015 07:03, Roberto Deboni DMIsr wrote:
>> Anche l'agricoltura e' interessata, onde potere rimuovere sali e
>> metalli che l'irrigazione tende ad accumulare sul terreno
>
> Guarda che sali e metalli sono necessari all'agricoltura, e infatti li
> si aggiunge a parte. I problemi nascono con le soluzioni troppo
> sbilanciate, come l'acqua marina.
>
> Il problema è inverso, la terra viene lavata dei sali indispensabili
> alle piante rendendo il terreno sterile.

Il terreno diventa sterile anche nel caso inverso, quando si
ha accumulo di sali, come il cloruro di so*****.

> L'acqua distillata all'agricoltura non serve.

La pioggia e' acqua distillata.

Provi a ripetere: "la pioggia all'agricoltura non serve" ...
Roberto Deboni DMIsr 2 Ott 2015 09:20
On Fri, 02 Oct 2015 09:03:49 +0200, Bob Torello wrote:

> On 02/10/2015 08:55, Roberto Deboni DMIsr wrote:
>> La pioggia e' acqua distillata.
>>
>> Provi a ripetere: "la pioggia all'agricoltura non serve" ...
>
> Resta distillata fin quando non tocca terra, ahr ahr ahr :-)

:-P
Giorgio Ranieri 3 Ott 2015 09:23
Bob Torello <rb1997it@yahoo.it> ha scritto:
> On 02/10/2015 08:55, Roberto Deboni DMIsr wrote:
>> La pioggia e' acqua distillata.
>>
>> Provi a ripetere: "la pioggia all'agricoltura non serve" ...
>
> Resta distillata fin quando non tocca terra, ahr ahr ahr :-)
>
> --
> Evaporare la Grande Madre si può,
> partecipa anche tu alla Grande Av*****a...
>

Peccui posso mettere acqua piovana nel ferro da stiro e msgnare
tranquillo?
--
GR


----Android NewsGroup Reader----
http://usenet.sinaapp.com/
Gab 4 Ott 2015 08:50
Il 02/10/2015 09:20, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
> On Fri, 02 Oct 2015 09:03:49 +0200, Bob Torello wrote:
>
>> On 02/10/2015 08:55, Roberto Deboni DMIsr wrote:
>>> La pioggia e' acqua distillata.
>>>
>>> Provi a ripetere: "la pioggia all'agricoltura non serve" ...
>>
>> Resta distillata fin quando non tocca terra, ahr ahr ahr :-)
>
> :-P
>

Lei Deboni non s'intende di agricoltura. Lasci perdere.


--

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Roberto Deboni DMIsr 5 Ott 2015 06:38
On 2015-10-04, Gab <lunar32NOSPAM@alice.it> wrote:
> Il 02/10/2015 09:20, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>> On Fri, 02 Oct 2015 09:03:49 +0200, Bob Torello wrote:
>>
>>> On 02/10/2015 08:55, Roberto Deboni DMIsr wrote:
>>>> La pioggia e' acqua distillata.
>>>>
>>>> Provi a ripetere: "la pioggia all'agricoltura non serve" ...
>>>
>>> Resta distillata fin quando non tocca terra, ahr ahr ahr :-)
>>
>> :-P
>>
>
> Lei Deboni non s'intende di agricoltura. Lasci perdere.

Sorvolando che probabilmente lei non ha colto l'ironia
a cui replicato scherzosamente, sono sicuro di
interpretare il pensiero di molti lurker nel momento
che lei chiedo:

"Cosa intende ? Cosa e' che uno che "si intende di
agricoltura" sa e di cui, pare, io non abbia
tenuto conto ?"
Roberto Deboni DMIsr 6 Ott 2015 00:08
On 2015-10-03, Giorgio Ranieri <gr@info.email.invalid> wrote:
> Bob Torello <rb1997it@yahoo.it> ha scritto:
>> On 02/10/2015 08:55, Roberto Deboni DMIsr wrote:
>>> La pioggia e' acqua distillata.
>>>
>>> Provi a ripetere: "la pioggia all'agricoltura non serve" ...
>>
>> Resta distillata fin quando non tocca terra, ahr ahr ahr :-)
>>
>> --
>> Evaporare la Grande Madre si può,
>> partecipa anche tu alla Grande Av*****a...
>>
>
> Per cui posso mettere acqua piovana nel ferro da stiro e stare
> tranquillo?

Se le superfici di raccolta ed il recipiente sono puliti,
perche' no ?

:-)
GMG 6 Ott 2015 16:16
Il 02/10/2015 08:55, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
> On Tue, 29 Sep 2015 08:19:12 +0200, Bob Torello wrote:
>
>> On 27/09/2015 07:03, Roberto Deboni DMIsr wrote:
>>> Anche l'agricoltura e' interessata, onde potere rimuovere sali e
>>> metalli che l'irrigazione tende ad accumulare sul terreno
>>
>> Guarda che sali e metalli sono necessari all'agricoltura, e infatti li
>> si aggiunge a parte. I problemi nascono con le soluzioni troppo
>> sbilanciate, come l'acqua marina.
>>
>> Il problema è inverso, la terra viene lavata dei sali indispensabili
>> alle piante rendendo il terreno sterile.
>
> Il terreno diventa sterile anche nel caso inverso, quando si
> ha accumulo di sali, come il cloruro di so*****.
>
>> L'acqua distillata all'agricoltura non serve.
>
> La pioggia e' acqua distillata.
>
> Provi a ripetere: "la pioggia all'agricoltura non serve" ...
>

Ma è proprio sicuro che sia la pioggia che "irriga"?

Perché la pioggia fa parte di un "ciclo", che si impara alle
elementari, dove è palese che la pioggia venga trasportata
per una parte (torrenti e fiumi ecc) e conservata per l'altra
(laghi e falde acquifere e sotto terra in generale), fino al bacino di
stoccaggio più grande, della pioggia, che è il mare.

Se ci pensa bene molta di quella che lei chiama "agricoltura"
è in effetti irrigata molto più dalle acque di superficie
e di falda piuttosto che da quelle che gli 'piovono' sopra.

Pensi che questo concetto lo conoscevano già gli antichi Egizi ed i
Sumeri prima di loro.

Per l'irrigazione nulla di meglio delle acque superficiali inventate dal
Buon ******* proprio per trasferire le acque a scopo "irrigatorio"
anche per lunghissimi chilometri ad alta efficienza e costo zero.

Tali acque superficiali sono, per loro natura, ricche di sali tanto
che hanno, nel corso dei millenni, "salato" i mari.

Ha mai fatto caso, carissimo Deboni, che il "verde" è più
fitto vicino ai corsi d'acqua di qualsiasi genere?

saluti

GMG
Roberto Deboni DMIsr 6 Ott 2015 18:46
On Tue, 06 Oct 2015 16:16:07 +0200, GMG wrote:

> Il 02/10/2015 08:55, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>> On Tue, 29 Sep 2015 08:19:12 +0200, Bob Torello wrote:
>>
>>> On 27/09/2015 07:03, Roberto Deboni DMIsr wrote:
>>>> Anche l'agricoltura e' interessata, onde potere rimuovere sali e
>>>> metalli che l'irrigazione tende ad accumulare sul terreno
>>>
>>> Guarda che sali e metalli sono necessari all'agricoltura, e infatti li
>>> si aggiunge a parte. I problemi nascono con le soluzioni troppo
>>> sbilanciate, come l'acqua marina.
>>>
>>> Il problema è inverso, la terra viene lavata dei sali indispensabili
>>> alle piante rendendo il terreno sterile.
>>
>> Il terreno diventa sterile anche nel caso inverso, quando si ha
>> accumulo di sali, come il cloruro di so*****.
>>
>>> L'acqua distillata all'agricoltura non serve.
>>
>> La pioggia e' acqua distillata.
>>
>> Provi a ripetere: "la pioggia all'agricoltura non serve" ...
>>
>>
> Ma è proprio sicuro che sia la pioggia che "irriga"?

Chi avrebbe scritto che "la pioggia irriga" ?

Forse ha perso il filo della discussione ?
La tesi contestata e' che con l'acqua distillata
non si puo' irrigare/lavare il terreno.

...snip...
Gab 6 Ott 2015 20:05
Il 05/10/2015 06:38, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
> On 2015-10-04, Gab <lunar32NOSPAM@alice.it> wrote:
>> Il 02/10/2015 09:20, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>>> On Fri, 02 Oct 2015 09:03:49 +0200, Bob Torello wrote:
>>>
>>>> On 02/10/2015 08:55, Roberto Deboni DMIsr wrote:
>>>>> La pioggia e' acqua distillata.
>>>>>
>>>>> Provi a ripetere: "la pioggia all'agricoltura non serve" ...
>>>>
>>>> Resta distillata fin quando non tocca terra, ahr ahr ahr :-)
>>>
>>> :-P
>>>
>>
>> Lei Deboni non s'intende di agricoltura. Lasci perdere.
>
> Sorvolando che probabilmente lei non ha colto l'ironia
> a cui replicato scherzosamente, sono sicuro di
> interpretare il pensiero di molti lurker nel momento
> che lei chiedo:
>
> "Cosa intende ? Cosa e' che uno che "si intende di
> agricoltura" sa e di cui, pare, io non abbia
> tenuto conto ?"
>

Tutto. Senza offesa ne ironia. Per intendersi di agricoltura bisogna
essere o Contadini/agricoltori o agronomi con pratica, perchè il solo
titolo non è sufficiente.
Vi sono paesi dove la abbondanti piogge dilavano il terreno asportando
quelle che sono le sostanze necessarie alla vita vegetale e rendendo il
paese poco o per niente adatto alle coltivazioni. Un esempio, il Borneo.
In altri il dilavamento non asporta completamente l'humus ma rende lo
strato di terreno fertile molto sottile su uno strato argilloso o
limoso. Un esempio, l'Amazzonia.
Per questo fenomeno in Amazzonia e dintorni l'aratura del terreno come
la intendiamo noi non esiste. Il terreno viene lavorato solo
superficialmente. Il continente americano è un po' tutto così. non
prendetemi troppo alla lettera però, vi sono paesi non così sfigati!. La
pioggia è sacrosanta per l'agricoltura ma in terreni idonei a riceverla,
come le nostre vallate benedette, le nostre montagne e i nostri fiumi e
torrenti, e nella quantità ottimale ..(alle volte però esagera :-( ,e
nonostante io abbia visitato e frequentato molti paesi (per lavoro) non
ho mai visto un paese più bello del nostro. Peccato però che ci sia chi
si diverte a rovinarlo.
Ciao




--

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Sinuhe 8 Ott 2015 14:44
"Giorgio Ranieri" <gr@info.email.invalid> ha scritto nel messaggio
news:munvq8$dcv$1@speranza.aioe.org...
> Bob Torello <rb1997it@yahoo.it> ha scritto:
>> On 02/10/2015 08:55, Roberto Deboni DMIsr wrote:
>>> La pioggia e' acqua distillata.
>>>
>>> Provi a ripetere: "la pioggia all'agricoltura non serve" ...
>>
>> Resta distillata fin quando non tocca terra, ahr ahr ahr :-)
>>
>> --
>> Evaporare la Grande Madre si può,
>> partecipa anche tu alla Grande Av*****a...
>>
>
> Peccui posso mettere acqua piovana nel ferro da stiro e msgnare
> tranquillo?
> --
> GR

Raccogli e metti in una bottiglia l'acqua piovana, chiudi la bottiglia e
prova dopo una settimana ad annusarla. Se è inodore, è acqua distillata,
altrimenti ci trovi dentro i fumi di scarico della Montedison, del diesel
Volkswagen del vicino, lo spray usato per lucidare il cruscotto
all'autolavaggio e il fumo della salsiccia della grigliata che hanno fatto
dal prete 20 giorni prima.
GMG 8 Ott 2015 16:23
Il 06/10/2015 18:46, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
> On Tue, 06 Oct 2015 16:16:07 +0200, GMG wrote:
>
>> Il 02/10/2015 08:55, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>>> On Tue, 29 Sep 2015 08:19:12 +0200, Bob Torello wrote:
>>>
>>>> On 27/09/2015 07:03, Roberto Deboni DMIsr wrote:
>>>>> Anche l'agricoltura e' interessata, onde potere rimuovere sali e
>>>>> metalli che l'irrigazione tende ad accumulare sul terreno
>>>>
>>>> Guarda che sali e metalli sono necessari all'agricoltura, e infatti li
>>>> si aggiunge a parte. I problemi nascono con le soluzioni troppo
>>>> sbilanciate, come l'acqua marina.
>>>>
>>>> Il problema è inverso, la terra viene lavata dei sali indispensabili
>>>> alle piante rendendo il terreno sterile.
>>>
>>> Il terreno diventa sterile anche nel caso inverso, quando si ha
>>> accumulo di sali, come il cloruro di so*****.
>>>
>>>> L'acqua distillata all'agricoltura non serve.
>>>
>>> La pioggia e' acqua distillata.
>>>
>>> Provi a ripetere: "la pioggia all'agricoltura non serve" ...
>>>
>>>
>> Ma è proprio sicuro che sia la pioggia che "irriga"?
>
> Chi avrebbe scritto che "la pioggia irriga" ?
>
> Forse ha perso il filo della discussione ?
> La tesi contestata e' che con l'acqua distillata
> non si puo' irrigare/lavare il terreno.
>
> ...snip...
>

Quindi in questo thread lei non ha mai voluto dire che la
pioggia (che secondo la sua logica è simile all'acqua distillata)
serve all'agricoltura?

Ah! Allora mi sono sbagliato.
Giorgio Ranieri 8 Ott 2015 21:28
"Sinuhe" <sinuhe@egypt.pir> ha scritto:
>
> "Giorgio Ranieri" <gr@info.email.invalid> ha scritto nel messaggio
> news:munvq8$dcv$1@speranza.aioe.org...
>> Bob Torello <rb1997it@yahoo.it> ha scritto:
>>> On 02/10/2015 08:55, Roberto Deboni DMIsr wrote:
>>>> La pioggia e' acqua distillata.
>>>>
>>>> Provi a ripetere: "la pioggia all'agricoltura non serve" ...
>>>
>>> Resta distillata fin quando non tocca terra, ahr ahr ahr :-)
>>>
>>> --
>>> Evaporare la Grande Madre si può,
>>> partecipa anche tu alla Grande Av*****a...
>>>
>>
>> Peccui posso mettere acqua piovana nel ferro da stiro e msgnare
>> tranquillo?
>> --
>> GR
>
> Raccogli e metti in una bottiglia l'acqua piovana, chiudi la bottiglia e
> prova dopo una settimana ad annusarla. Se è inodore, è acqua distillata,
> altrimenti ci trovi dentro i fumi di scarico della Montedison, del diesel
> Volkswagen del vicino, lo spray usato per lucidare il cruscotto
> all'autolavaggio e il fumo della salsiccia della grigliata che hanno fatto
> dal prete 20 giorni prima.
>
>

:-D


----Android NewsGroup Reader----
http://usenet.sinaapp.com/
Roberto Deboni DMIsr 9 Ott 2015 21:11
On 2015-10-08, Sinuhe <sinuhe@egypt.pir> wrote:
>
> "Giorgio Ranieri" <gr@info.email.invalid> ha scritto nel messaggio
> news:munvq8$dcv$1@speranza.aioe.org...
>> Bob Torello <rb1997it@yahoo.it> ha scritto:
>>> On 02/10/2015 08:55, Roberto Deboni DMIsr wrote:
>>>> La pioggia e' acqua distillata.
>>>>
>>>> Provi a ripetere: "la pioggia all'agricoltura non serve" ...
>>>
>>> Resta distillata fin quando non tocca terra, ahr ahr ahr :-)
>>>
>>> --
>>> Evaporare la Grande Madre si può,
>>> partecipa anche tu alla Grande Av*****a...
>>>
>>
>> Peccui posso mettere acqua piovana nel ferro da stiro e msgnare
>> tranquillo?
>> --
>> GR
>
> Raccogli e metti in una bottiglia l'acqua piovana, chiudi la bottiglia e
> prova dopo una settimana ad annusarla. Se è inodore, è acqua distillata,
> altrimenti ci trovi dentro i fumi di scarico della Montedison, del diesel
> Volkswagen del vicino, lo spray usato per lucidare il cruscotto
> all'autolavaggio e il fumo della salsiccia della grigliata che hanno fatto
> dal prete 20 giorni prima.

Pare che abbiamo trovato un punto a favore dell'acqua distillata di
origine solare (o nucleare ?): non contiene tutta quella sfilza di
... "concimanti".
Che sia un difetto ? ;-)
Gab 10 Ott 2015 10:36
A proposito di acqua distillata:
L'elettrodomestico "asciugatrice" produce acqua (distillata) proveniente
dall'evaporazione della biancheria durante l'asciugatura e viene
accumulata in un contenitore speciale insito nell'elettrodomestico
stesso. Il quantitativo prodotto è notevole.
Nel manuale precisano che tale acqua può essere utilizzata per stirare e
altre funzioni. Io la uso per la batteria della macchina, per il
lavavetri della macchina, le donne per stirare.
Quanto può essere affidabile detta acqua secondo voi? Per lo meno di
calcare non ne ha.
La biancheria dopo essere stata lavata in lavatrice e centrifugata viene
inserita nell'asciugatrice che provvede a riscaldarla e farla evaporare.
Da detto vapore proviene l'acqua distillata in oggetto.
NOTA OT: IMHO detto elettrodomestico è il miglior acquisto da me fatto
in questi ultimi anni. Funziona magnificamente, la biancheria esce
soffice e vellutata come non mai e evita di dover stendere. Dite poco!.
Lo so benissimo che l'ENEL gode, ma ne vale la pena.

--

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Ugo 10 Ott 2015 16:43
Il 10/10/2015 10.36, Gab ha scritto:
> A proposito di acqua distillata:
> L'elettrodomestico "asciugatrice" produce acqua (distillata) proveniente
> dall'evaporazione della biancheria durante l'asciugatura e viene
> accumulata in un contenitore speciale insito nell'elettrodomestico
> stesso. Il quantitativo prodotto è notevole.
> Nel manuale precisano che tale acqua può essere utilizzata per stirare e
> altre funzioni. Io la uso per la batteria della macchina, per il
> lavavetri della macchina, le donne per stirare.
> Quanto può essere affidabile detta acqua secondo voi? Per lo meno di
> calcare non ne ha.
> La biancheria dopo essere stata lavata in lavatrice e centrifugata viene
> inserita nell'asciugatrice che provvede a riscaldarla e farla evaporare.
> Da detto vapore proviene l'acqua distillata in oggetto.
> NOTA OT: IMHO detto elettrodomestico è il miglior acquisto da me fatto
> in questi ultimi anni. Funziona magnificamente, la biancheria esce
> soffice e vellutata come non mai e evita di dover stendere. Dite poco!.
> Lo so benissimo che l'ENEL gode, ma ne vale la pena.
>
Prova a prendere un litro di quell'acqua e a farla evaporare, il residuo
ti dirà quanto è distillata. La mia lascia un residuo ben visibile
scuro, se fai la prova facci sapere. Grazie.
Sinuhe 12 Ott 2015 00:43
"Gab" <lunar32NOSPAM@alice.it> ha scritto nel messaggio
news:mvailk$85a$1@speranza.aioe.org...
>A proposito di acqua distillata:
> L'elettrodomestico "asciugatrice" produce acqua (distillata) proveniente
> dall'evaporazione della biancheria durante l'asciugatura e viene
> accumulata in un contenitore speciale insito nell'elettrodomestico stesso.
> Il quantitativo prodotto è notevole.
> Quanto può essere affidabile detta acqua secondo voi? Per lo meno di
> calcare non ne ha.

sempre meglio dell'acqua piovana che si porta appreso di tutto. Perlomeno
sarà sterilizzata, ma qualche peluzzo ce l'avrà di sicuro.
A proposito: sarà acqua distillata anche la pioggia dei dintorni dell'ILVA
di Taranto?
Roberto Deboni DMIsr 12 Ott 2015 23:00
On Tue, 06 Oct 2015 20:05:38 +0200, Gab wrote:

> Il 05/10/2015 06:38, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>> On 2015-10-04, Gab <lunar32NOSPAM@alice.it> wrote:
>>> Il 02/10/2015 09:20, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>>>> On Fri, 02 Oct 2015 09:03:49 +0200, Bob Torello wrote:
>>>>
>>>>> On 02/10/2015 08:55, Roberto Deboni DMIsr wrote:
>>>>>> La pioggia e' acqua distillata.
>>>>>>
>>>>>> Provi a ripetere: "la pioggia all'agricoltura non serve" ...
>>>>>
>>>>> Resta distillata fin quando non tocca terra, ahr ahr ahr :-)
>>>>
>>>> :-P
>>>>
>>>>
>>> Lei Deboni non s'intende di agricoltura. Lasci perdere.
>>
>> Sorvolando che probabilmente lei non ha colto l'ironia a cui replicato
>> scherzosamente, sono sicuro di interpretare il pensiero di molti lurker
>> nel momento che lei chiedo:
>>
>> "Cosa intende ? Cosa e' che uno che "si intende di agricoltura" sa e di
>> cui, pare, io non abbia tenuto conto ?"
>>
>>
> Tutto. Senza offesa ne ironia. Per intendersi di agricoltura bisogna
> essere o Contadini/agricoltori o agronomi con pratica, perchè il solo
> titolo non è sufficiente.

Non ho chiesto i "requisiti" per definirsi, o meglio, essere riconosciuti
per "uno che si intende di agricoltura".

> Vi sono paesi dove la abbondanti piogge dilavano il terreno asportando
> quelle che sono le sostanze necessarie alla vita vegetale e rendendo il
> paese poco o per niente adatto alle coltivazioni. Un esempio, il Borneo.

E siamo finito al Borneo ...

> In altri il dilavamento non asporta completamente l'humus ma rende lo
> strato di terreno fertile molto sottile su uno strato argilloso o
> limoso. Un esempio, l'Amazzonia.

E siamo finiti in Amazzonia ...

> Per questo fenomeno in Amazzonia e dintorni l'aratura del terreno come
> la intendiamo noi non esiste. Il terreno viene lavorato solo
> superficialmente.

Amazzonia ?

> Il continente americano è un po' tutto così.

Non scriviamo scempiaggini. Dal Canada alla Terra del Fuoco c'e' la
stessa varieta' di terreni che si ha partendo dalla Lapponia ed
arrivando giu' fino al Sud Africa.

> non
> prendetemi troppo alla lettera però, vi sono paesi non così sfigati!

Retromarcia ?

> La
> pioggia è sacrosanta per l'agricoltura ma in terreni idonei a riceverla,
> come le nostre vallate benedette, le nostre montagne e i nostri fiumi e
> torrenti, e nella quantità ottimale ..(alle volte però esagera :-( ,e
> nonostante io abbia visitato e frequentato molti paesi (per lavoro) non
> ho mai visto un paese più bello del nostro. Peccato però che ci sia chi
> si diverte a rovinarlo.

Resta la domanda:

"Cosa e' che uno che "si intende di agricoltura" sa e di cui, pare,
io non abbia tenuto conto ?"

Ove non e' chiaro se ha reagito allo sberleffo scherzoso oppure ad una
delle due frasi:

"Il terreno diventa sterile anche nel caso inverso, quando si
ha accumulo di sali, come il cloruro di so*****."

oppure:

"La pioggia e' acqua distillata."

Provi a ripetere: "la pioggia all'agricoltura non serve" ...

e la menzione era "le terre del meri*****ne" che preciso, a scanso
di eventuali equivoci, si intendeva "Italia" e non Borneo o Amazzonia.
Roberto Deboni DMIsr 12 Ott 2015 23:11
On Thu, 08 Oct 2015 16:23:21 +0200, GMG wrote:

> Il 06/10/2015 18:46, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>> On Tue, 06 Oct 2015 16:16:07 +0200, GMG wrote:
>>
>>> Il 02/10/2015 08:55, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>>>> On Tue, 29 Sep 2015 08:19:12 +0200, Bob Torello wrote:
>>>>
>>>>> On 27/09/2015 07:03, Roberto Deboni DMIsr wrote:
>>>>>> Anche l'agricoltura e' interessata, onde potere rimuovere sali e
>>>>>> metalli che l'irrigazione tende ad accumulare sul terreno
>>>>>
>>>>> Guarda che sali e metalli sono necessari all'agricoltura, e infatti
>>>>> li si aggiunge a parte. I problemi nascono con le soluzioni troppo
>>>>> sbilanciate, come l'acqua marina.
>>>>>
>>>>> Il problema è inverso, la terra viene lavata dei sali indispensabili
>>>>> alle piante rendendo il terreno sterile.
>>>>
>>>> Il terreno diventa sterile anche nel caso inverso, quando si ha
>>>> accumulo di sali, come il cloruro di so*****.
>>>>
>>>>> L'acqua distillata all'agricoltura non serve.
>>>>
>>>> La pioggia e' acqua distillata.
>>>>
>>>> Provi a ripetere: "la pioggia all'agricoltura non serve" ...
>>>>
>>>>
>>> Ma è proprio sicuro che sia la pioggia che "irriga"?
>>
>> Chi avrebbe scritto che "la pioggia irriga" ?
>>
>> Forse ha perso il filo della discussione ? La tesi contestata e' che
>> con l'acqua distillata non si puo' irrigare/lavare il terreno.
>>
>> ...snip...
>>
>>
> Quindi in questo thread lei non ha mai voluto dire che la pioggia (che
> secondo la sua logica è simile all'acqua distillata

Se uno per "acqua distillata" prende la definizione astratta, e' una
cosa. Se un per "acqua distillata" prende la definizione sapendo che
ci si riferisce ad un certo livello di purezza (che varia a secondo
di quale campo si opera o dell'uso che se ne fa) e' un altra cosa.
Ovviamente la pioggia non e' considerabile "acqua distillata" nei
termini di quella, ad esempio, di uso medico.
Ma se mettiamo la pioggia (l'acqua PRIMA che sia entrata in contatto
con qualche superficie) a paragone con l'acqua di un fiume o di un
pozzo (da cui si pesca per l'irrigazione), allora si puo' certamente
definirla, mediamente (se piove in mezzo al vento proveniente dal
deserto viene giu' fanghiglia, e qualche volta l'abbiamo trovato sopra
le nostre auto) distillata, probabilmente a livello di quella che si
compera per le batterie o il ferro da stiro.

> ) serve
> all'agricoltura?

La pioggia e' normalmente (gli eccessi degli ultimi anni paiono
smentire anche questo) benefica all'agricoltura.
Tanto che i contadini la aspettano con preoccupazione quando tarda
ad arrivare.

> Ah! Allora mi sono sbagliato.

Che ci vuole fare, ognuno capisce quello che vuole ...


In ogni caso, per chi si forse perso: una battuta innocente supponeva
all'agricoltura l'acqua distillata non serve perche' probabilmente
si voleva immaginare che tra la pioggia apportasse sostanze nutritive
o integratori che l'acqua distillata non ha.
In realta' e' prossibile che l'irrigazione artificiale possa includere
integratori e sostanza nutritive, ma non la pioggia, che da questo
punto di vista assomiglia (nel 99% dei casi) molto all'acqua distillata.

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Energia e dintorni | Tutti i gruppi | it.discussioni.energia | Notizie e discussioni energia | Energia Mobile | Servizio di consultazione news.